ADD THE SLIDER CODE HERE

27 settembre 2011

Con una Singer del 1967



Ok, la data è approssimativa. Ho fatto una ricerchina in rete sui modelli antichi di macchine Singer e approssimativamente questo modello very vintage dovrebbe essere del 1967. È la macchina da cucire di mia madre. Lei non la usa da tanto tempo. Nel frattempo se l'è tenuta per un po' mia sorella che in quanto a manualità e lavoretti artigianali se la cava molto meglio di me (questo il suo blog di collane e altre cosine molto carine fatte a mano).

Ma come mai questo reperto è finito a casa mia?
Sempre per colpa della festa a tema di Chiara.
Stavolta ci siamo lanciati con l'idea dei travestimenti. Ho comprato online della stoffa a basso costo e realizzato dei mantelli abbozzati e rifiniti alla bell'e meglio.
Tutto sommato la vecchia Singer ha svolto egregiamente il suo lavoro.




5 commenti:

  1. Luisa... sei una grande! Io ho la macchina da cucire comprata e manco provata per capire se funziona. Sono irrecuperabile...
    Senti, ma dove hai preso la stoffa on line???

    RispondiElimina
  2. Ciao Serena, grazie mille!
    Sei stata colta da shopping compulsivo con la macchina da cucire? Ahahhaa. Dai prova. Vedrai che poi ci prendi la mano e ti diverti.
    La stoffa l'ho comprata su ebay.
    Provo a mettere il link del negozio:
    http://stores.ebay.it/JaskWear?_trksid=p4340.l2563

    RispondiElimina
  3. luisa hai le mani d'oro!
    bravissima (tu e la singer)

    RispondiElimina
  4. Gio, lascia perdere guarda.
    Da piccola avevo praticamente il complesso di non essere in grado di combinare nulla di buono con le mie mani. Non ero in grado di scrivere in maniera regolare ed ordinata (ero al limite della disgrafia - e non è che oggi vada molto meglio eh!) le attività manuali mi facevano venire l'ansia da prestazione (il voto più basso della mia pagella era sempre in quella materia, che sfigata ahahahha). Diciamo che questa è la mia rivincita, ma da qui a dire che ho le mani d'oro ce ne corre ahahhaha. Però grazie, hai dato una botta di vita alla mia autostima.

    RispondiElimina
  5. Io resto sempre senza parole.
    La tua creatività è sconfinata!

    RispondiElimina